CLICCARE SULL'IMMAGINE PER COLLEGARSI IN STREAMING

 

 PER RIVEDERE LE TRASMISSIONI CLICCARE QUI

 

NON TOCCATE IL COTTOLENGO (ED I SUOI OSPITI) !!



NON TOCCATE IL COTTOLENGO  (ED I SUOI OSPITI) !!

 

Guai a chi osa toccare il Cottolengo ed i suoi ospiti” è il grido che si leva dai “Giuristi per la Vita” in difesa dell’omonima Piccola Casa della Divina Provvidenza, il cui Superiore Generale, don Carmine Arice, ha recentemente ribadito eroicamente finalità e spirito di servizio alla vita. 

Eroicamente, perché, in un siffatto clima culturale e legislativo, che vede questa nobile e centenaria struttura vittima e bersaglio speciale dell’indifferenza e disumanità d’un parlamento con la “p” minuscola, ci vuole una bella dose di testosterone per evitare che il Cottolengo passi per essere la struttura che, più di qualsiasi altra, dovrebbe, nella bieca logica parlamentare, offrire, divenire, prestarsi ed adoperarsi senza risparmio nell’applicare ai suoi ospiti la nuova ignominiosa legge acronisticamente denominata “DAT”. 

I Giuristi per la Vita, cosi come nel caso del piccolo Alfie Evans (tuttora in lotta furibonda per sottrarsi ad un sistema sanitario inglese, che lo vorrebbe morto), offrono sin d’ora gratuitamente tutta la propria professionalità legale nel difendere l’istituto, fondato da San Giuseppe Agostino Benedetto Cottolengo, ed i suoi ospiti da chiunque s’apprestasse o intendesse mai mettervi le mani. 

Vita e dignità dell’uomo vanno ben oltre e sono tutt’altra cosa rispetto a quella pochezza valoriale attribuita loro da senatori e deputati che, con questa ultima “prestazione” hanno definitivamente fugato ogni dubbio sulla assoluta incapacità di occuparsi dei problemi veri del nostro paese: denatalità; occupazione; immigrazione; sicurezza. Tutto serviva, tranne una ideologica legge finalizzata a scoraggiare ogni speranza. 

I Giuristi per la Vita sono e rimarranno sempre a servizio diretto ed indiretto della vita del cittadino più debole ed indifeso, specialmente quando, come in questo caso, potere e cinismo fanno breccia nelle istituzioni e nei “cuori” di chi le rappresenta, malamente. 

 

Il Consiglio Direttivo Nazionale 

 

Cliccare qui per scaricare il testo del comunicato

 

 

 

Informazioni aggiuntive

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.