RASSEGNA STAMPA

RASSEGNA STAMPA

(IN FASE DI COSTRUZIONE)

 

31.05.2014 - Avvenire "Norlevo abortivo? Il Tar dice no - I Giudici Respongono il ricorso contro la pillola del giorno dopo" di Francesco Ognibene
30.04.2014 - La denuncia per la lettura del libro "Sei come sei" agli studenti del liceo classico Giulio Cesare di Roma: LA REPUBBLICA 2
30.04.2014 - La denuncia per la lettura del libro "Sei come sei" agli studenti del liceo classico Giulio Cesare di Roma: LA REPUBBLICA 1
30.04.2014 - La denuncia per la lettura del libro "Sei come sei" agli studenti del liceo classico Giulio Cesare di Roma: LIBERO
30.04.2014 - La denuncia per la lettura del libro "Sei come sei" agli studenti del liceo classico Giulio Cesare di Roma: IL MATTINO 2
30.04.2014 - La denuncia per la lettura del libro "Sei come sei" agli studenti del liceo classico Giulio Cesare di Roma: IL MATTINO 1
30.04.2014 - La denuncia per la lettura del libro "Sei come sei" agli studenti del liceo classico Giulio Cesare di Roma: IL GIORNALE 2
30.04.2014 - La denuncia per la lettura del libro "Sei come sei" agli studenti del liceo classico Giulio Cesare di Roma: IL GIORNALE 1
30.04.2014 - La denuncia per la lettura del libro "Sei come sei" agli studenti del liceo classico Giulio Cesare di Roma: IL FOGLIO
30.04.2014 - La denuncia per la lettura del libro "Sei come sei" agli studenti del liceo classico Giulio Cesare di Roma: AVVENIRE 2
30.04.2014 - La denuncia per la lettura del libro "Sei come sei" agli studenti del liceo classico Giulio Cesare di Roma: AVVENIRE 1
29.04.2014 - La denuncia per la lettura del libro "Sei come sei" agli studenti del liceo classico Giulio Cesare di Roma: DAGOSPIA
29.04.2014 - La denuncia per la lettura del libro "Sei come sei" agli studenti del liceo classico Giulio Cesare di Roma: IL GIORNALE
29.04.2014 - La denuncia per la lettura del libro "Sei come sei" agli studenti del liceo classico Giulio Cesare di Roma: FATTO QUOTIDIANO
29.04.2014 - La denuncia per la lettura del libro "Sei come sei" agli studenti del liceo classico Giulio Cesare di Roma: AVVENIRE
29.04.2014 - La denuncia per la lettura del libro "Sei come sei" agli studenti del liceo classico Giulio Cesare di Roma: IL MESSAGGERO 3
29.04.2014 - La denuncia per la lettura del libro "Sei come sei" agli studenti del liceo classico Giulio Cesare di Roma: IL MESSAGGERO 2
29.04.2014 - La denuncia per la lettura del libro "Sei come sei" agli studenti del liceo classico Giulio Cesare di Roma: IL MESSAGGERO 1
29.04.2014 - La denuncia per la lettura del libro "Sei come sei" agli studenti del liceo classico Giulio Cesare di Roma: IL TEMPO

29.04.2014 - La denuncia per la lettura del libro "Sei come sei" agli studenti del liceo classico Giulio Cesare di Roma: LA STAMPA
29.04.2014 - La denuncia per la lettura del libro "Sei come sei" agli studenti del liceo classico Giulio Cesare di Roma: LA REPUBBLICA 3
29.04.2014 - La denuncia per la lettura del libro "Sei come sei" agli studenti del liceo classico Giulio Cesare di Roma: LA REPUBBLICA 2
29.04.2014 - La denuncia per la lettura del libro "Sei come sei" agli studenti del liceo classico Giulio Cesare di Roma: LA REPUBBLICA 1
29.04.2014 - La denuncia per la lettura del libro "Sei come sei" agli studenti del liceo classico Giulio Cesare di Roma: CORRIERE DELLA SERA
27.04.2014 - Avvenire - Strategia Lgbt: via libera all'osceno
26.04.2014 - La Stampa - Leggete per favore se avete figli
19.04.2014 - Avvenire -
"Libretti gender, altro choc a Milano"
05.04.2014 - Avvenire - "Gender, la scuola stoppa" Il Miur blocca gli opuscoli Unar. Che si scusa
02.04.2014 - Avvenire - "Ricorso per la delibera Aifa - Pillola del giorno dopo, cinque associazioni al Tar: «È anche abortiva»

20.02.2014 - Avvenire, "Bibbia e Vangelo? A Torino li insegna il «Servizio Lgbt», di Gianfranco Amato;
20.02.2014 - Avvenire, Spot al gender, ma quanto ci costa? Esposto alla Corte dei Conti: sprecato tanto denaro pubblico - Intervista di Lucia Bellaspica a Francesco Mario Agnoli;

16.02.2014 - Il Giornale, "Mi denuncio sono omofobo e pronto ad andare in galera", intervista di Stefano Lorenzetto a Gianfranco Amato;
15.02.2014 - Avvenire, "Il kit pro-gender in classe? Sconfessato il grande bluff", di Lucia Bellaspiga;
11.02.2014 - Avvenire, "I libelli 'educativi' antiomofobi", di Gianfranco Amato;

DONAZIONI

Aiuta i Giuristi per la Vita con una donazione


L'Associazione "Giuristi per la Vita" non riceve aiuti economici da nessuno, ma si autofinanzia.

E' nata nel gennaio 2013 e sta effettuando importanti campagne, a difesa dei principi non negoziabili.

Questa attività comporta delle spese, delle quali sino ad ora si sono fatti carico solo i soci.

Per essere sempre più incisivi abbiamo però bisogno anche del Tuo ausilio.

Ti chiediamo pertanto di contribuire alle nostre battaglie con una donazione, attraverso:

  • PAY PAL ( tasto "Donazione" posto sul margine superiore di questa pagina);
  • un bonifico sul nostro conto corrente, con le sotto indicate coordinante bancarie:
    Cassa dei Risparmi di Forlì e della Romagna, filiale di Lugo (RA) - IBAN: IT26 X060 1023 8041 0000 0003 886  - BIC IBSPIT2F

    Conto corrente bancario intestato a: Associazione "Giuristi per la Vita" - Piazza Santa Balbina, 8 - 00153 Roma - Cod. Fisc. 97735320588

Grazie per quanto potrai fare

Associazione "Giuristi per la Vita"





P.S. Preghiamo tutti coloro che hanno contribuito alle nostre iniziative con bonifico bancario di segnalarcelo tramite il modulo contatti, cliccando qui. Questo ci consentirà di ringraziarli personalmente, cosa che altrimenti non sarebbe possibile. In alternativa, invitiamo a inserire il proprio indirizzo di posta elettronica nella causale del bonifico.


Testo cambiato, ecco perché è pericoloso

di Gianfranco Amato

o scorso lunedì 22 luglio il percorso di approvazione del disegno di legge in materia di contrasto dell’omofobia e della transfobia ha avuto un improvviso cambiamento di rotta. A seguito di un emendamento dei relatori, infatti, l’impianto normativo si è ridotto ad un solo articolo con cui viene modificato l’art.3 della Legge 13 ottobre 1975 n.654 e l’art.1 del decreto legge 26 aprile 1993, n. 122, convertito con modificazioni della legge 25 giugno 1993, n. 205. La modifica consiste essenzialmente nell’aggiungere l’«omofobia» e la «transfobia» alle altre categorie già protette da forme di discriminazione e violenza quali la razza, l’origine etnica, la nazionalità e la religione.

Secondo la nuova formulazione del disegno di legge l’articolo 3, della legge 13 ottobre 1975, n. 654, dovrebbe leggersi nel seguente modo:

«Salvo che il fatto costituisca più grave reato, anche ai fini dell'attuazione della disposizione dell'articolo 4 della convenzione, è punito
a) con la reclusione fino ad un anno e sei mesi o con la multa fino a 6.000 euro chi propaganda idee fondate sulla superiorità o sull'odio razziale o etnico, ovvero istiga a commettere o commette atti di discriminazione per motivi razziali, etnici, nazionali o religiosi;
b) con la reclusione da sei mesi a quattro anni chi, in qualsiasi modo, istiga a commettere o commette violenza o atti di provocazione alla violenza per motivi razziali, etnici, nazionali o religiosi, o fondati sull’omofobia o transfobia.
È vietata ogni organizzazione, associazione, movimento o gruppo avente tra i propri scopi l'incitamento alla discriminazione o alla violenza per motivi razziali, etnici, nazionali o religiosi, o fondati sull’omofobia o transfobia».

L’art.1 del decreto legge 26 aprile 1993, n. 122, convertito con modificazioni della legge 25 giugno 1993, n. 205, invece, dovrebbe leggersi così:

«Salvo che il fatto costituisca più grave reato, anche ai fini dell’attuazione della disposizione dell’articolo 4 della convenzione, è punito:
a) con la reclusione sino a tre anni chi diffonde in qualsiasi modo idee fondate sulla superiorità o sull’odio razziale o etnico, ovvero incita a commettere o commette atti di discriminazione per motivi razziali, etnici, nazionali o religiosi, o fondati sull’omofobia o transfobia,
b) con la reclusione da sei mesi a quattro anni chi, in qualsiasi modo incita a commettere o commette violenza o atti di provocazione alla violenza per motivi razziali, etnici, nazionali o religiosi, ovvero fondati sull’omofobia o transfobia».

Leggi tutto...

Informazioni aggiuntive

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.