CLICCARE SULL'IMMAGINE PER COLLEGARSI IN STREAMING

 

 PER RIVEDERE LE TRASMISSIONI CLICCARE QUI

 

La Consulta: illegittimo il divieto alla fecondazione eterologa. Giuristi per la Vita: ultima picconata alla Legge 40

E' illegittimo il divieto alla fecondazione eterologa, ossia praticata con gameti di un donatore esterno alla coppia. Lo ha sancito la Corte Costituzionale italiana, bocciando così i punti della legge 40, in materia di procreazione assistita, che vietavano di praticare l'eterologa in Italia. Paolo Ondarza ha raccolto il commento di Gianfranco Amato, presidente dei Giuristi per la vita:

R: - E’ una pronuncia grave! La norma che è stata dichiarata costituzionalmente illegittima, in realtà - anche se non è una legge cattolica - salvaguardava i nascituri e il loro diritto a conoscere le proprie origini, anche al fine di tutelare l’identità personale, oltre che garantirne la tutela sanitaria e sociale, da una parte; e, dall’altra, evitava il lucroso commercio di gameti che va sotto il falso nome di donazione e il conseguente sfruttamento delle donne.

D. - La Legge 40 - il cui tema è assolutamente delicato e complesso - ha visto da sempre attorno a sé un dibattito acceso su questioni etiche, sociali e anche ideologiche…

R. - Sì! Se noi consideriamo che la Legge 40, nei suoi 10 anni, ha subito 31 interventi della Corte Costituzionale che hanno completamente stravolto la prospettiva antropologica che stava alla base della ratio, noi ci dobbiamo chiedere chi legifera in questo Paese: il Parlamento democraticamente eletto o la Corte Costituzionale?

D. - Presidente Amato, la pronuncia - secondo chi l’ha sostenuta e l’ha votata - fa riferimento a una disparità che si sarebbe venuta a creare tra le coppie che accedono all’omologa, consentita dalla Legge 40, e quelle che si vedono negate il ricorso all’eterologa…

R. - Non è un approccio corretto, perché la fecondazione assistita, medicalmente assistita secondo la prospettiva della Legge 40, aveva dei criteri e dei paletti molto precisi, che ponevano un freno alla moltiplicazione delle figure genitoriali, con tutte le conseguenti ripercussioni negative, anche sulla stessa identificazione biospichica del nascituro. Era tutta improntata ad una responsabilità procreativa di una coppia uomo-donna, che è la condizione minima per la stabilità del nascituro! Per cui c’erano una serie di paletti: persone di sesso diverso, conviventi, non fertili... Purtroppo sono saltati!

D. - Neanche il tema della fuga - chiamiamola così - all’estero di tante coppie, in quei Paesi in cui l’eterologa è legale, può essere in qualche modo una spiegazione o una motivazione a suffragio di questa pronuncia?

R. - Assolutamente no! Che cosa significa la fuga all’estero? Una cosa che oggettivamente è ingiusta e vietata, il fatto che in altri Paesi sia consentita… No, questo non è un ragionamento che tiene! Se una norma è ingiusta, lo è e a prescindere dal fatto che in altri Paesi sia consentita.

D. - A questo punto la Legge 40 che validità ha?

R. - Ce lo chiediamo! Questa è l’ultima picconata, probabilmente la più grave, ad una legge che non è più quella che è stata approvata dal parlamento.

 
 
 

Informazioni aggiuntive

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.